Partecipazione al P.D.Z. - Ambito Distrettuale di Tradate

Piano di Zona | Partecipazione al P.D.Z. - Ambito Distrettuale di Tradate

Partecipazione al piano di zona

 

I Comuni in linea con quanto stabilito dall'art 20 della L.R. 3/2008 promuovono forme di collaborazione tra enti pubblici e privati al fine di dare attuazione al principio di sussidiarietà e costruire un welfare delle opportunità come previsto nel libro verde del ministero del lavoro e, della salute e delle politiche sociali.

Valori guida della programmazione e della gestione del piano sono partecipazione, responsabilità, coerenza, solidarietà e sussidiarietà.

Per realizzare una programmazione dei servizi e degli interventi sociali i comuni intendono invitare, sollecitare ed aggregare  tutti gli enti pubblici e privati presenti nel territorio che sono vicini ai bisogni della gente.

Con questo piano di zona si riconferma pertanto l'interesse  a svolgere un ruolo di governance intesa come azione di orientamento a programmare, attuare e verificare le azioni in uno spirito di collaborazione e di confronto tra i diversi soggetti istituzionali coinvolti e di concertazione e negoziazione con i soggetti non istituzionali.

In questa logica gli attori che intendono collaborare alla elaborazione e gestione del piano di zona  sono chiamati pertanto ad assumere un ruolo propositivo, di condivisione e di responsabilità.

Gli enti del terzo settore sono chiamati a lavorare per la realizzazione della rete dei servizi territoriali mettendo  a disposizione anche proprie risorse come previsto dall?art. 5 della L. 328/00.

Il ruolo che assumono i soggetti che aderiscono al piano non è pertanto quello di avvallare, supportare e concorrere a realizzare decisioni prese dall'ufficio di piano, ma riuscire ad essere interlocutori preparati e validi.
Agli enti viene chiesto  di concorrere a ridefinire gli obiettivi posti nella programmazione zonale, di concordare la definizione delle priorità di intervento, di portare all'attenzione dei nuovi bisogni del territorio non presi in considerazione.

Sulla base del lavoro svolto in questi anni di realizzazione del piano di zona 2006/2008 si sottolinea l'importanza del confronto e della collaborazione che è andata intensificandosi sia con  le realtà scolastiche che con quelle  del terzo settore.

 

LA PARTECIPAZIONE DI:

3° SETTORE

ISTITUTI SCOLASTICI

ORGANIZZAZIONI SINDACALI

 

Pubblicato il 
Aggiornato il